Le Teorie Associazioniste e il Behaviorismo

Le teorie associazioniste , antecedenti al behaviorismo, hanno influenzato la psicologia (sotto Locke, Hobbes, Berkelev, Hume, ecc..)

L'apprendimento di tipo S-R (stimolo-risposta) mette l'accento sulle conseguenze della risposta senza spiegare il comportamento attraverso dei processi di ordine mentale.

Di fatto gli associazionisti parlano di contiguità, rinforzo, legami, associazioni, memoria, costruzione di sequenze di R (risposta) del metodo « tentativi ed errori », del ruolo della conoscenza, delle conoscenze anteriori e della risposta che si costruisce per addizione.

Tutte le teorie beavioriste sono di tipo associazionista.

 

Principali associazionisti:

  • Thorndike = tentativi-errori (maturazione-effetto-esercizio)
  • Guthrie = contiguità S-R (ripetizione)
  • Hull = Rinforzo (effetto-contiguità)

BEHAVIORISMO

  • behaviorismo: sm. [sec. XX; dall'amer. behavior, ingl. behaviour, comportamento].
  • il fondatore della nuova scuola viene considerato J. B.Watson, con il suo manifesto del 1913 «Psychology as a Behaviorist Views It» (La psicologia esaminata da un behaviorista).Per comportamento Watson intendeva ogni movimento muscolare, o secrezione ghiandolare, o attività bioelettrica del sistema nervoso, che fosse comunque osservabile. La psicologia doveva allora diventare la scienza delle connessioni tra stimoli ambientali e risposte.
  • In seguito, E.C.Tolman disse che il comportamento è intenzionale (purposive behavior) in quanto l'organismo (anche quello animale) apprende che un certo complesso di stimoli (segno) è legato a un altro complesso (significato), determinandosi così una "mappa cognitiva" di situazioni ricorrenti.
  • Secondo E.Thordike, il comportamento risulta dall'effetto che procura (legge dell'effetto)

Make a free website with emyspot.com - Report abuse